Airzone, un fattore chiave nelle prime case Passivhaus Plus a Valencia

 In article, attualità

Le soluzioni Flexa e RadianT riducono il consumo degli edifici, consentendo il massimo risparmio energetico nelle apparecchiature con potenza termica regolata e fornendo una grande sensazione di comfort grazie ai sistemi di riscaldamento e raffreddamento a zone.

reportaje-passive-house-blog-foto5
Esterno degli alloggi R&Roll Houses.Adrian Mora Maroto.

Raquel Marcos, architetto e fondatore dello studio Ra[ ]el Arquitectura, non si limita a descrivere nel dettaglio le numerose possibilità e i vantaggi delle costruzioni sostenibili. Va più in profondità. Parla di “edifici per convincere gli scettici“.

Lei ed il collega, l’architetto Rafael Ortega, hanno progettato le prime case certificate Passivhaus Plus nella regione di Valencia, in cui Airzone svolge un ruolo essenziale nel raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico per l’utilizzo di impianti di climatizzazione.

Con il riconoscimento dell’Istituto Passivhaus (The Passive House Institute), Marcos e Ortega raggiungono i loro obiettivi. Fin dall’inizio della loro attività professionale, nel 2003, hanno lavorato “con l’obiettivo di realizzare un’architettura sana, impegnata nella sostenibilità e nell’efficienza“, senza dimenticare, naturalmente, la loro “passione per la progettazione architettonica, per gli spazi attraenti e funzionali“.

Definizione del progetto

Le R&Roll Houses, situate nel comune di Rafelbunyol a Valencia (Spagna), sono il risultato di diversi anni di ricerca, rispondendo alle esigenze e “preoccupazioni” ambientali dei loro creatori. Un edificio, “che mette in primo piano il fatto di non danneggiare l’ambiente e che contribuisce a produrre energia pulita durante il suo utilizzo. Da qui la sua categoria “Plus“, che, a differenza di quella standard, indica che l’edificio non solo evita i consumi energetici superflui, ma li produce in modo responsabile.

Il progetto comprende due case unifamiliari costruite su una base di cemento armato con isolamento esterno e un sistema di protezione solare domotizzato.

reportaje_passive_house_blog_foto1
Raquel Marcos, architetto di Ra[ ] el Arquitectura.Agustin Bianchi.

Secondo gli architetti, si tratta di un edificio dall’aspetto “sobrio” che dà priorità alla sostenibilità e la cui distribuzione estremamente ordinata permette alla luce di entrare facilmente ma allo stesso tempo la protegge dalle radiazioni solari.

Si tratta di una costruzione “efficiente, sostenibile e salutare“, che non solo consente un alloggio, ma dispone anche dei sistemi necessari di monitoraggio “per convincere gli scettici“. In altre parole, è in grado di dimostrare l’entità dei dati relativi alla produzione e al dispendio energetico e quindi la sua reale efficienza.

Funzione di Airzone

Airzone gioca un ruolo vitale in questo paio di case che risponde all’emergenza climatica.

Javier Montesinos, responsabile termico e installatore presso Buitec, è stato responsabile dell’installazione delle soluzioni Flexa e RadianT di Airzone nelle case R&Roll Houses. Entrambe le soluzioni si basano sulla climatizzazione a zone, cosa che Montesinos difende dopo oltre 20 anni di esperienza e formazione.

A differenza dei sistemi di climatizzazione non a zone che mantengono la stessa temperatura in tutte le stanze di una casa, i sistemi a zone permettono di controllare la temperatura delle stanze, così come le luci di un edificio sono controllate stanza per stanza. In questo modo, la sensazione di comfort aumenta notevolmente, mentre allo stesso tempo si ottiene un notevole risparmio energetico spegnendo le apparecchiature nei locali disabitati.

reportaje_passive_house_blog_foto2_copia
Interno degli alloggi R&Roll Houses.Adrián Mora Maroto.

Inoltre, secondo Montesinos, i sistemi di condizionamento a zone permettono agli installatori di anticipare le esigenze degli utenti e “che il risultato dell’installazione sia un successo“.

Fin dal primo momento in cui il progetto è stato preso in considerazione, Montesinos non ha avuto dubbi sul fatto che la zonizzazione dell’aria condizionata fosse la cosa giusta da fare per raggiungere gli elevati obiettivi di efficienza energetica e comfort. Gli utenti volevano avere un ambiente con una temperatura piacevole, ma i requisiti della certificazione Passivhaus hanno fatto sì che praticamente l’uso di qualsiasi apparecchiatura fosse escluso a causa dell’elevato spreco di energia che produceva. “Ho visto la necessità di installare un sistema di climatizzazione per zone, come la soluzione Flexa di Airzone, in quanto si tratta di case con un fabbisogno energetico molto basso, e le apparecchiature esistenti sul mercato sono sovradimensionate per questo tipo di case“, spiega Montesinos. Così, secondo l’installatore, “con un impianto di climatizzazione convenzionale incentrato a coprire le esigenze di una casa di circa 90 metri quadrati, sono state soddisfatte le esigenze di case di 200 metri quadrati, composte da otto stanze“.

Questa soluzione fornisce acqua calda e fredda a tutta la casa, oltre ad offrire la temperatura ideale di ogni stanza.

D’altra parte, le R&Roll Houses includono la soluzione RadianT come sistema di controllo a pavimento radiante, un’installazione che può essere controllata dai termostati della soluzione Flexa.

reportaje_passive_house_blog_foto4
Interno degli alloggi R&Roll Houses.Adrián Mora Maroto.

I vantaggi della certificazione Passivhaus

La certificazione Passivhaus può essere rilasciata a qualsiasi edificio nel mondo, indipendentemente dalla sua ubicazione. Ottenerla non è un compito facile. Il consorzio Passivhaus tiene conto di un calcolo reale dei costi energetici di un edificio, che devono essere ridotti al minimo. Così, gli edifici Passivhaus sono conformi a degli indici di consumo molto severi. Questi indici sono abbastanza lontani da quelli del resto degli edifici che sembrano essere costruiti secondo gli indici di consumo richiesti dal Codice Tecnico Edilizio (CTE), ma che non sempre sono conformi alle norme. “Il CTE non obbliga ad un controllo rigoroso dell’esecuzione dei lavori e, probabilmente, gli edifici che non rispettano i valori teorici finiscono per essere sviluppati comunque. Tuttavia, con il metodo Passivhaus, dato che tutto è provato e testato, essi sono conformi a questi dati“, spiega Marcos.

Per gli architetti che si impegnano seriamente per l’ambiente, vale la pena rispettare tali requisiti. Per quanto riguarda la climatizzazione, è stato dimostrato che un edificio Passivhaus “risparmia fino al 90% del fabbisogno energetico per il riscaldamento rispetto ad altri edifici esistenti, e il 75% degli edifici costruiti dopo l’ultimo aggiornamento del CTE“. “Per quanto riguarda la richiesta di raffreddamento, questa riduzione è del 25%“, secondo Marcos.

Con le case R&Roll, gli architetti di Ra[ ]el Arquitectura dicono di voler trasmettere “ciò che si può fare in termini di sostenibilità ed efficienza, senza rinunciare al comfort e alle salute“. Una cosa che, tenendo conto della situazione attuale, non solo dell’emergenza climatica, ma anche della pandemia globale, è di estrema importanza.

reportaje_passive_house_blog_foto2
Terrazza degli alloggi R&Roll Houses.Adrián Mora Maroto.

 

Recommended Posts